Keelung Culture: Interview with a Taoist Priest Part 2

posted in: Culture 0

People give colour to a place and people are at the heart of Keelung culture. I was lucky enough to talk to the Taoist priest who presides at ceremonies during the Ghost Festival.

In the priest’s home was the most complete of all Taoist altars I have ever seen. In addition to the usual gods, it also contained some peculiar objects: a horn, rocks, a wooden mould.

Apparently, not all of these objects has a special meaning. For example, the stones were placed there because they are beautiful and the gods can appreciate this beauty. Such Taoist traditions are still commonly practiced in Keelung.

keelung culture

The interview with the priest lasted a long time, so I will write only what impressed me most.

Besides being a priest, he is also an exorcist. As in Christianity, Taoism has figures that chase away evil spirits. And yet, the priest himself kept telling me that Taoism and Christianity are very similar. Both have a main deity, both have saints and evil spirits, and they both have a heaven and a hell.

When the door of the spirits is opened, all kinds of spirit both good and bad descend or ascend to the human realm. People must feed, calm, and then say goodbye to the spirits until the same time next year.

Throughout the rest of the year, we assume that these spirits have returned to the afterlife, although some of them can actually continue to linger on Earth. These are spirits that have some unresolved matters or those that died in a violent way and are unable to move on.

keelung culture

As for exorcism, the priest handed me small rectangular sheets of paper similar to bookmarks, bearing some scrawled characters.

These sheets were nothing more than small exorcisms for different occasions: for people scared by the spirits, for pregnant women who have suffered a fright, and so forth.

The priest also explained that there are some spirits attached to particular places: for example a rocky step, an aquatic surface [?] (apparently, the water spirits are stronger) and many other desolate places in the wilderness.

That's why, during the month of Zhongyuanjie (Ghost Festival, an amazing display of Keelung culture), you should avoid these kinds of places. It is better to go and have a bath alone [?] or turn around if you find yourself in places where there are no other people.

I find this last case quite scary. In ancient times, the priest explained to me, people who lived in the countryside had no close neighbours. Each time someone left their house , it was very rare to meet someone, especially at night. Often, if someone walked around at night and felt someone else calling out his or her name behind them, it was (and is still) said that it was better not to turn your head—it could be a spirit trying to scare you and steal one of your three souls so it can come back to life.

keelung culture

These and other such stories run deep in Keelung culture. As well as the symbolism of the food on the sacrificial table of the various "bye bye" [?] from this month, these were the subjects of my interview with the priest.

It is impossible to know everything just by wandering the streets or going to the temples!

(Go to the first part of this article)!


Come dicevo in un mio precedente post, sono le persone che danno colore ad un posto. Le persone sono il cuore della cultura di Keelung. Ho avuto la fortuna di parlare con il sacerdote taoista che presiede alle cerimonie durante il Ghost Festival.

A casa del sacerdote ho visto l'altare taoista piu' completo di tutti quelli visti finora. Oltre alle consuete divinita' anche alcuni oggetti particolari: un corno, dei sassi, uno stampo in legno...a quanto pare non tutti questi ogetti hanno un significato particolare, per esempio i sassi sono stati messi li' perche sono belli e le divinita' possono apprezzare questa bellezza. Le tradizioni taoiste sono ancora molto praticate nella cultura di Keelung.

L'intervista al sacerdote e' durata a lungo, ma qui scrivero' solo cio' che mi ha impressionata. Oltre ad essere sacerdote, lui e' anche esorcista. Come nel cristianesimo, infatti, anche il taoismo ha queste figure che scacciano gli spiriti malvagi. D'altronde il sacerdote stesso continuava a ripetermi che taoismo e cristianesimo si assomigliano molto. Entrambi hanno una divinita' principale, entrambi hanno dei santi e degli spiriti malvagi, entrambi hanno paradiso e inferno. All'apertura della porta degli spiriti, infatti, ogni tipo di spirito scende o ascende sulla terra, buono o cattivo che sia. Scopo delle persone e' ristorare, tranquillizzare e poi salutare per un altro anno intero gli spiriti. Quindi durante tutto l'anno si presuppone che questi siano ritornati nell'aldila', nonostante qualcuno possa esercitare una certa influenza anche da li', come i santi.

A proposito di esorcismi, il sacerdote mi ha regalato dei piccoli fogli di carta rettangolari, simili a segnalibri, che riportano dei caratteri "scarabocchiati" al centro. Questi fogli non sono altro che piccoli esorcismi per diverse occasioni: per persone spaventate dagli spiriti, per donne incinte che hanno subito uno scioc dagli spiriti ecc. Il sacerdote ha anche spiegato che ci sono alcuni spiriti legati ad alcuni posti particolari. Qualche passo roccioso, qualche superficie acquosa (e pare che gli spiriti dell'acqua siano quelli piu' forti) e in generale tutti quei luoghi un po' desolati nel mezzo della natura. E' per questo che durante il mese del Zhongyuan ji (il Ghost Festival, un'incredibile dimostrazione della cultura di Keelung) si dovrebbero evitare certi posti, magari anche di andarsi a fare il bagno da soli o di girarsi se si sente il proprio nome in posti in cui si sa che non c'e' nessuno. Questo ultimo caso lo trovo abbastanza terrificante. In antichita', mi spiegava, chi abitava in campagna non aveva dei vicini di casa poi cosi' vicini. Quindi ogni volta che si usciva di casa per la campagna era molto raro incontrare qualcuno, specialmente di notte. Spesso, se andavi in giro di notte e sentivi qualcuno chiamarti da dietro si diceva (e si dice ancora) che fosse meglio non girarsi, perche' era uno spirito che cercava di spaventarti e rubarti una delle tue tre anime, in modo da tornare in vita lui stesso.

Queste e altre storie del genere riguardo il spiritualismo che scorre profondamente nella cultura di Keelung, come anche il simbolismo di alcune cibarie sul tavolo sacrificale dei vari "bye bye" di questo mese, questi sono stati gli interessante soggetti dell'intervista al sacerdote.

Impossibile sapere tutto cio' giusto girando per le strade o per i templi!

(Vai alla prima parte di questo articolo)!

Follow SilviaBaggiani:
As sinologist and passionate of Chinese culture i like to learn about all the culture, especially the one of my specialization. I like to travel and after three years in China i decided to join the Keelung-residence program who let me know more about this city's places&culture. The ceremonies, the dedication of people for them, the traditional music, the hidden historical places showed me a new attractive world.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *